ABOUT ME
CONTACT ME
ARTICLES
    

Bibliography
Bibliografia
Ahmed Rashid, Taliban,
Yale Nota Bene, Yale University Press, New Haven, London 2001;

AAVV ,Hoge & Rose editors, How Did This Happen? Public Affairs, New York, 2001

Related Articles
Articoli in tema
Arundhati Roy, Francesco Piccioni, Oriana Fallaci, Tiziano Terzani, Umberto Eco, Adriano Sofri

altri scritti miei su 9.11:
9.11-take3-eng
9.11-take3-it
progetto-di-pace

Links di supporto documentale:

http://commdocs.
house.gov/committees
/intlrel/hfa48119.000/
hfa48119_0.HTM#30

http://www.westport
.com/natural/

http://www.indymedia
.org/front.php3?
article_id=72598
&group=webcast

http://www.amazon
.com/exec/obidos/
ASIN/0691090866/
qid%3D1002911599/
ref%3Dsr%5F11%
5F0%5F1/102-6910502
-0775313

http://www.indymedia.org

TITLE: After September eleven

TITOLO: Dopo l'undici settembre

WRITTEN BY: Lorenzo Matteoli

DATE: October, 8th, 2001

TRANSLATION EDITED BY: Wendy Charnell

The general picture: Afghanistan, Pakistan, USSR, USA, CIA Taliban, heroin and oil

Foreword
The WTC attack reveals a totally unforeseen scenario of the World at the outset of the third millennium. We repeatedly hear "Nothing will be the same again" but the commentators have not yet explored the elements of the new "picture". While the Western World is busy recovering from the trauma, scrambling to define the "retribution" and fretting in fear of a "second wave", the Arab World is frozen in the WTC aftermath. The attack seems to have broken the course of some strategy and the ambiguous Muslim galaxy is faced with a choice that nobody seems to be willing or capable of making.

It is essential to move beyond the trauma and to define the new general scenario in order to assess the conditions that will determine the political confrontation about the management of the Planet, under the added pressure of extreme risks for a very uncertain future.

The Taliban, their culture, the Islam culture, the Arab culture, the Arab civilisation, the superiority of whomever or whatever, retribution, revenge, punishment of the perpetrators are all topics for a marginal short term debate, of little value when addressing the real consequences of the attack on September 11th.

The attempts to go beyond the useless, bloody confrontation between Islam and the West failed once before when Frederick the II Hohenstaufen lost his lifelong battle with the papacy (Gregory IX and Innocent IV). We have paid the consequences of that defeat over 8 centuries and a mistake now in managing the aftermath of the WTC attack may raise that price to unbearable levels.

The modern origin of the crisis
The hellish fog remaining after the Boeings destroyed the Twin Towers and the Pentagon, together with the whole castle of international institutional politics, is the fog that blanketed the last stage of the long war between the US and USSR. That war, dominating the years between 1945 and 1989 actually deserved the qualifier of WW3.

The year was 1979 and the place was Afghanistan, where the CIA devised the possibility of organizing a local ethnical guerrilla (accidentally Muslim) against the Russian army. With the support of Pakistan and of that not very secret service, with the customary buckets of dollars the CIA organized the Moujahidin to beat the Russians who were already in strife.

The occasional binding factor was the liberation of Afghanistan from the infidels, but the money was also important for the guerrillas who came from the vast sea of misery and desperate marginality of all the Arab countries. Of many interesting connections, one of the most keen and active was Osama Bin Ladin, the son of a rich family of Saudi contractors and bankers. Osama had been in contact with the CIA for quite a while. His relatives (one elder brother and his father) were partners in W. Bush Jnr's business (Arbusto Energy, Spectrum 7, Harken). Bush senior at the time was the head of the CIA and was later to become the President of the USA. (See the deeds of Abdullah Bakhsh, Khaled Bin Mafouz and Salem Bin Laden in Harken, in Bush Exploration first and later in Spectrum 7 during the 80s).

The Russian Army sank into a war with no front, on impossibly rugged terrain. After ten years, and the death of half a million young Russians, plus an unaccounted number of dead Afghanis, and a few thousand billion Rubles, the defeated Russians left the country, (the Russian Vietnam), in a pile of rubble. No stone unturned. The country was back in the stone age but the amount of small arms and tactical weapons available was enormous. The victorious guerrilla bands and the warlords continued a civil tribal war to split the spoils. The prize at stake, in the long term, was unbelievably more important than the present misery of the territory: the control of the Gulf/Caspian oil Region. The guerrilla extended to Chechnia, Kashmir and Kossovo. Terrorist attacks reached Uzbekistan. The guerrilla warfare was eventually won by the Taliban, a faction of young Koran fundamentalist zealots backed by Pakistan and by the CIA. They were greeted as liberators, but soon became a horrible curse. Their unofficial sponsor, leader and lord, Osama Ben Laden, was still a man of the CIA and Arabian emissary. Pockets of territory in the North are controlled by the Northern Alliance and their leader Massud. He did not succeed in winning the Taleban and was killed in August this year by a car bomb attack. The Northern Alliance would like to be the secular arm of the Americans in fighting the Taleban and Osama, but the Pentagon is cautious knowing their scarce reliability and political inconsistencies, the lack of their charismatic leader Massud only worsening the situation.

At the end of the Gulf War the relationship between Osama Ben Laden and his CIA friends soured and turned into hatred. Osama had a new scope for his future and began organizing the political consensus and financial network required to achieve his goal: a great coalition of Muslim countries (not all of them are Arab) to control the Region from the Caspian Sea to the Gulf. The region that in a matter of few years, would produce more than 50% of the World's Crude, a power never enjoyed by the OPEC cartel.

At the preliminary stage, there was popular support from all the interested countries for him personally and the organisation Al'Qaeda. Osama implemented, with political diplomacy strategies and terrorism, the vision that Saddam Hussein sought through war.

In this framework, under his direction, the Taleban promoted a powerful action of ideological penetration in all the Arab countries from which they obtained financial support and diplomatic recognition. Their popular support in Pakistan was a threat to the rule of General Musharraf. But also in Saudi Arabia the Saud family had to face the challenge of a strong popular sympathy for the fundamentalist ticket. The same applied to Sudan, Syria, Egypt, United Emirates and to the Kingdom of Jordan. In Iran the people hated the Taleban but Islam fundamentalism is strong.

After the departure of the Red Army the CIA money supply was cut, but the Moujahidin in the North and the Taleban in the South forced the cultivation of heroin poppies: in three years the Southern Region of Afghanistan controlled by the Taleban became the World's major heroin producer. The Pakistanis supplied the heroin processing technology with the questionable neglect of the CIA and Osama and the Taleban controlled the trade and split the profits.

The profit from the heroin trade is valued at between 100 to 200 billion US Dollars a year and is invested in the organisation, in guerrilla (terrorists) training camps and on the financial markets. Osama applied what the CIA had taught him when he was fighting the Russians in organising his private army and the training camps. His personal fortune is now huge and the money inherited from the Saudi family is just a marginal quota of his assets. In the ten years of his activity it is estimated that this entrepreneur of terror must have accumulated a fortune of 400 billion US Dollars - a sum that can challenge the ethical code of any financial institution or bank, should there be any, and with the capability of buying complicity at the highest levels of any country in which he wishes to operate. Timely management of his assets prior to the WTC attack may have harvested huge gains on the plummeting markets. We will never know the names of the brokers that dealt for him. If a pensioner wants to move his superannuity of a few tens of thousands dollars, he must supply proof of origin. No questions asked for the billions of dollars that cross any boundary at the click of a computer key, or are swiftly traded by the "Alawa" leaving no paper record of the transaction. We are not referring only to the small shops in the suhks of Damascus, Baghdad, Beirut but to elegant addresses in Zurich, London, Geneva, Frankfurt, New York, Amsterdam and Milan. Specific and unusual movements on the markets could become the early alarm for possible future attacks. The depression of the markets after the attack provided an incredible opportunity to buy huge controlling shares in key sectors (energy, banks, transportation, insurance, food) to those who had cash available, i.e. all the heroin mobs of the World.

The picture of how the fanatic idealism of the September 11th terrorists plays a major role in a Planetary scheme becomes clearer just by putting together information easily retrievable by the 'ordinary guy' from newspapers and the internet. Certainly, a sharper picture should be available to the intelligence of the USA, USSR, Israel and NATO. It is hard to believe that this is not the case, given the billions of dollars they spend to go beyond the "ordinary guy" level of information.

But there are further matters of interest.

The frantic race for oil fields and oil reserves, triggered by the impending Oil Production Peak, the geological limit to oil production foreseen by King Hubbert in the '50s has started (see Hubbert's Peak: The Impending World Oil Shortage, Kenneth S. Deffeyes, Princeton University Press, 2001). The "peak" is placed between 2005 and 2008 and, once reached, oil production will decrease by 3-4% every year. The bid for oil will be savage. The tension to access the remaining dwindling reserves will be desperate and possibly out of political control. The Gulf and Caspian oil is the only one that will be able to respond, for a few more years to the energy demands of USA, Russia, Europe, Japan, China and the rest of Asia and South America. Afghanistan is in the center of the Gulf-Caspian Region, does not have oil reserves, but seems to be the ideal place to control them, as a natural fortress.

Osama's strategy, started at the beginning of the '90s, is now unfolding. His aspiration to the throne of Saudi Arabia is no longer a secret. In this scenario, The WTC attack may seem to be contradictory, or something more complicated. If the strategy were close to reaching its goal, why strike with a monstrous attack which would almost certainly invoke a deadly reprisal?

There are two possibilities:

1) The WTC attack was carried out by Al'Qaida extreme factions, no longer controlled by Osama;

2) Osama wanted to give a powerful message to those in his camp who remained ambivalent.

(We can rule out the third possibility of there being a tactical mistake).

Both possibilities explain the gradual shift to the "campaign against terrorism" after the first call for "Osama dead or alive."

American and UK diplomacy are desperately trying to recover their dialogue with the Arab world and the areas, so long neglected, that allowed the growth of Osama's plan. It may be too late.

The violent provocation of the attack could set out the conditions for a radical change in the American and industrialised World energy strategies, a change that, within a decade, could reduce oil consumption by 20 to 30% and the US and structural dependence on OPEC oil, radically changing the delicate balance dictated by the present polarisation of oil resources. Wishful thinking, perhaps.

On the other hand, the WTC attack constitutes legitimate conditions for an armed intervention of the USA in the Gulf-Caspian Region to eradicate terrorism and to secure access to the last oil resources. Vivere non necesse: navigare necesse, (to live is not necessary, to sail is necessary), as declared by the Roman consuls when they waged a deadly war against the pirates. Pearl Harbour, so much recalled after the WTC attack, created the political conditions and consensus for the US to enter WW2. The shadows of Roosevelt's responsibility are well remembered.

Two new players on the World stage
The WTC attack elicited, in a few brief moments, a scenario that would have been in the making over a period of 8 to 10 years, utterly disrupting any strategic forecast on which international relationships were based. What could have been done in ten years is now on the table of the political decision makers. The deadline is here.

There is no easy answer as to what steps to take in the present circumstances. Should we focus on worldwide alliances or the protection of specific regional interests. Isolation or integration? From what we can gather, the US Government seems to be choosing the first option, but there are difficulties and we could be in for more surprises.

The sky shield promoted by Bush until a few weeks ago, and viewed with open disadain and resentment by many countries, has been made obsolete by box cutters and suicidal fanaticism.

The question is, while events flash by, whether the political culture of Bush, Colin Powell, Cheney, Tony Blair and the European leaders, Vladimir Putin, Zeng and the ambiguous Arab contingent will be able to set up a credible "line" and, in a matter of a few weeks, succeed in effecting the elements of cooperation that will allow differences that have been brewing for decades to be overcome. Even the language may pose problems. We do not yet know the roles that will be played in the definition of this line by various important participants - the markets, big financial institutions, the Babylonian sundry information sources, the military and the ineffable pulses of the people.

The blackmailing power of an international terrorist organisation, real or otherwise, that has been established with the WTC attack, is far greater than anything previously conceived, either by us or the perpetrators themselves.

Such a huge power, without institutional profile, without political profile, without a perceivable culture or structure (the pan Islam gobbledegook is just a formal façade) will either generate a consistent counter figure or be an unchallenged tyrant. All the countries have more or less rejected the latter option.

It is very difficult to predict what the form and institutional profile of these entities will be. The compromises and trade-offs necessary to integrate different agendas; the need to organize a binding centripetal force capable of resisting the centrifugal temptations; the need to accommodate specific country agendas within the general scope, may shape up into something never before seen on this Planet. A very strange animal indeed! The triumph of the worst intelligence - counter - intelligence - counter - counter - intelligence nightmare, and the very present liability of the terror of counter - terrorism. Who will be in control?

The constant and rapid 24-hour frenzy of information is upsetting the schedules of diplomatic institutions: their traditional channels are swept away by CNN and BBC World News. Certainly the message from the US Government during the first 30 days of crisis has considerably matured to a more elaborate and wider format. From the immediate 'shooting from the hip reaction', there is now a more sedate and wiser long term scenario, the first stage of which is the airlifting of massive humanitarian aid to Afghanistan, certainly a peace offensive aimed at destabilising the people's support of the Taleban. However, the complete picture of the strategy is not yet perceivable. Bush has to negotiate the demand for "retribution" by a deeply wounded American public, with the time necessary to put together an international figure within which to operate. The goal is to build the new World "actor" capable of striking a deadly blow to International Terror. If he will succeed in a few weeks, we will have something like the New International Order (NIO). The program for the NIO, if it materialises, could be spelled out by these four points:

1. Defuse the oil bomb. Gain time with a World program of energy savings and energy alternatives capable of pushing back the "peak" for ten to fifteen years. The 1973 crisis proved that it is possible to immediatelyreduce oil demand of 15 to 20% with no risk of recession, unemployment or financial havoc. Such a project would be jump started automatically if the price of a barrel of crude in the rich countries would be hiked up to 100 $US (roughly comparable in terms of present purchasing power to the 1973 hike from US$3 to US$30).

2. Defuse the poverty bomb. The amount of money made available with the hike in the price of oil would subsidise and sustain a massive campaign against poverty around the World. The campaign should be associated to long-term projects to build sustainable, local economic patterns consistent with regional contextual conditions.

 

4. Break the connection between heroin, finance, politics and the arms trade. Liberalization of drugs could start the subversion of the present paradigm that protects the dealers and boosts profits.

These four points are not in sequence and have no hierarchical ranking. They should be carried out simultaneously with systematic interaction. Within such a framework, the punishment of the WTC terrorists and of their political sponsors, becomes a second priority and the recovery of decent relationships between Israel and the Palestinian population will be a necessary consequence. Nothing of the kind will happen: so get ready to draft the "more of the same" scenario and you will see how much more scary it is.

The intellectual wandering
The monstrous actions of September 11 are tearing us apart again. The horror of thousands of lives lost, the unbearable suffering and the difficulty in separating opprobrium for the crime and rational acknowledgment for the pathology of desperation. Whichever way we turn , with compassion or anger, we feel frustration and guilt. The problem must be solved to contain a passionate and emotive reaction on one side and, on the other, to avoid any type of cool, rational dismissal. Every time we find ourselves challenged by an historical provocation, an event that utterly disrupts our relationship with our 'normality', we are reminded that centuries of philosophical searching are of little help.

Again and again we are alone with The Great Doubt. To make a judgement, to evaluate, establish a set of priorities, to compare, in order to operate consistently, is extremely difficult and sometimes also very dangerous, particularly when problems have existential implications and wide social and political influence.

Those who do not agree, oppose the judgement as arbitrary. Those who do agree, uphold it as an emblem of freedom. Often the right to judge is challenged with the argument of "complexity". Because of its intricacy and interconnection, any judgement is an automatic, unacceptable simplification: The problem is known today as "cultural relativism", as opposed to the shame of "absolute thinking". (See Panebianco on the Corriere della Sera del 29/09 and Ilvo Diamanti on La Repubblica 29/09).

More useful, the neo-Darwinian motivation for the impossibility to rank values and sets of values. To compare things, they must be placed on an even field and the conditions for comparability cannot be met from evolutionary processes. Briefly this is the position of evolutionary skepticism:

"Any given set of values is the result of a continuous evolutionary process which does not allow for the definition of any legitimate lay conclusion. This constraint is necessary to the scientific explanation of "life". To rank a set of values without an historic framework, or to express judgements about them, we should dismiss the evolutionary theory. We would need to admit the pre-existence of Universal Values and deny that the values are themselves the subject, or result, of an evolutionary process. We should introduce the concept of "finality" or some kind of "creation design" but that would not be acceptable from the point of view of the evolutionary, philosophical system." (Bruno Caudana)

The denial of the evolutionary theory would be an unacceptable loss.

For the lay thinker, there is no paradigm that allows for absolution or condemnation. Without "God" there is no judgement - no virtue and no evil. Each one of us is alone with his feelings. This contingent critical black hole is the place of loneliness, of objective skepticism, free responsibility, utopistic compassion, our sincerest passion and, at the same time, our basic joy of living. To choose, to take a stand on our choices and on the choices of others is the core paradigm of our life, because everyday life is a constant exercise of critical evaluations and assessments. Thus the problem is to connect this lay vision with "everyday life", without betraying the basic conceptual framework; operating with responsible autonomy and maintaining an awareness of the limits of our existence and of our specific individual history. To limit, influence, form or to develop the critical exercise is of paramount ethical relevance and must be done with a lay vision of history and within the limits implied by such a vision. We will not be exempt from the mistakes of missionaries, high priests, mullahs or disciples of any other faith, creed or transcendent idol, but we will be aware of their danger. The lay vision cannot be an excuse to ignore reality, nor careless denial of the actual world in which we must exist and feel. The lay way of thinking should be neither abstracted, nor isolated.

To operate we must define, more or less consciously, actual products of the evolutionary process at any given time. The specific results of the evolutionary process that can be subject to assessment and can be judged "here and now" (hic et nunc). They will be evaluations and assessments related to the intuition of an immanent "absolute entity" which is beyond comprehension, not because of a mysterious transcendence, but only because of the space, time and biologic dimension- and on account of the objective incomplete history. It is within, not the hook from the sky of Daniel Dennett.

'Judgement', with this attention and responsibility, is not arrogance. Abstention from judgement is not wisdom, or humility. It can often be connivance, silent assent, fearful dependence, accessory guilt or apathy.

Berlusconi's blunder
Ilvo Diamanti, in La Repubblica of September 30, closed his condemnation of Panebianco's "cultural relativism" with the "eulogy of relative thinking" and the following questions" How and where will he stand who feels he belongs to the West, shares western values, principles, institutions; has no doubt of the need to fight terrorism to the end, but at the same time believes in open dialogue between cultures? Who thinks that Islam is a complex changing reality and not necessarily the mother of monsters and fundamentalism? Where will he stand who considers the US to be a solid reference for democracy to whom Europe and Italy are deeply indebted, but would like a strionger and autonomous Europe capable of performing as an active subject in the geopolitical and cultural arena? How and where will he stand who does not see in globalisation only risks but also opportunities to share knowledge and resources? Who thinks that globalisation is a process that can be criticised, controlled in a different way and not demonised? He who sees the antiglobal movement as a complex reality and even, without sharing their platform, thinks that they must not be relegated to the violent extremes that linger within them? He who is not a communist nor a follower of Mr Berlusconi, or he who is not a follower of Mr Berlusconi, a communist?

These questions are emblematic of what I call "intellectual wandering".

After these questions and after the passionate outburst of Oriana Fallaci (Corriere della Sera 29/09); after the comments of Mr Panebianco and Mr Scalfari, the debate opened by Mr. Berlusconi's blunder becomes an interesting and relevant one, from which to draw useful behavioural indications.

In a recent TV press conference, the Italian Prime Minister Silvio Berlusconi said that "our civilisation is superior to the Islam civilisation".

This awkward statement provoked a broadside of censures, international resentment, sarcasm, outrage, and a number of hypocritical dismissals. Subsequent damage control statements by the premier made matters even worse.

In the flurry of comments one must record the authoritative concern of Umberto Eco (La Repubblica 5/10 Le guerre sante passione e ragione, Holy wars, passion and reason)). Eco berates Oriana Fallaci for her excessive, lengthy and passionate outburst and the Corriere della Sera for validating it. In his own lengthy column, with his customary intelligence, Eco examines peruses a number of the World's virtues and evils, closing with an appeal for us to analyse and criticize ours and others' superstitions. Eco opens his exercise mis-quoting Berlusconi's blunder: The premier talked about the superiority of western "civilisation" and not "culture", which are very different - also for a semiotician. If we accept Eco's invitation we should also consider Oriana's passionate account in its proper context, written five days after the tragedy, only a few blocks away from the collapsed towers, engulfed in the trauma that overwhelmed New York. I fail to see how that account could disturb the minds of young people more than the monstrous actions of the terrorists. Of all the articles and comments published on the Premier's blunder, the "Letter on civilisation" by Adriano Sofri on the Corriere della Sera (29.09.01) met with considerable approval. This was partly due to the personal history and character of the writer, the evocative terminology and, possibly, on account of readers' personal interpretations of Sofri's letter.

Nota: Note: Adriano Sofri was a top student at the Scuola Normale di Pisa and an charismatic leader of the Student Movement in 1968. He was indicted and tried as the mastermind behind the assassination of the police commissar Calabresi in Milano. Sofri has always denied all the charges and the trials bitterly divided the Italian public. He is now serving a long prison term and cooperates as a columnist with several Italian Newspapers, including Il Foglio, and La Repubblica.

It is Sofri's belief that the "mode of our associated life is incomparably preferable to that of the Islam worldä" Nevertheless", he says, "this assumption is automatically betrayed when we state publicly some 'superiority' of ours".

In this analysis, we see what tricked Sofri, who apparently does not perceive the subtle difference between a statement of general superiority and the much more specific and limited statement of "superiority of our civilisation". Maybe that is precisely what suggested him the interesting term "modes of our associated life".

It is indeed true that there is no anthropological or cultural superiority or inferiority of any race, ethnic group or nation because cultural values are ineffable, different, incomparable and incomplete evolutionary stages, but this does not apply to the "modes of associated life" and to "civilisation" as items different from "culture". They are what we do with our "cultures" through the accidents of history (which is not to be confused with "evolution") and thus can be, at any given moment, effectively measured and compared.

The quality of life is the parameter of that comparison and one which can be very complex to express, but can also yield meaningful information even when coarsely simplified. As an extreme level of simplification I propose "physical suffering". Jefferson's "pursuit of happiness" would be a more challenging standard than any other "ideological" one. This would lead us into a territory of difficult quantification although, I repeat, not necessarily an impossible one. In his letter, he tries to identify the reasons for the "betrayal": the weakness is due to the short time we have enjoyed our qualifying achievements, many of which are still challenged by the catholic religious hierarchy, (abortion law, rights on your own body, euthanasia, freedom from poverty, welfare etc.).

The right to vote was granted to women in Italy "only 54 years ago" (just yesterday says Sofri) so at the heart of our "experimental and chancy superiority" we have "very recent novelties".

This would dismiss the claim for superiority because "the things that we cherish [as great achievements] are yet few and still at risk, the shadow of our past is very short and the best out of us could become penitent pilgrims", (hence subject to the pitfalls of sin, as I interpret the rather obscure "pilgrim" figure of speech). How long do we have to wait before a cultural or civic achievement can be tallied in the assessment of a civilisation? Half a century is not enough according to Sofri, so is one century? or two? Should we consider only what we have achieved before 1801? Or before 1701? No French Revolution, no American Revolution, no revolution of the Soviets?

There are many correct assertions listed in Sofri's letter, but not necessarily related or rigorously connected to prove his undisclosed thesis: The poor world, without shoes, anxious to ram into the skyscrapers of the rich world; the luxury staged, perhaps obscenely, in the shop-windows of New York; the sheer poverty that becomes intoxicated idealism; the responsibility of the rich for the ailing Planet and for the World of the poor; the urge to change our lifestyle to stop the consumption of the Earth and to reduce the ostentation and idolatry of wealth, the need to stop and look more deeply within ourselves.

The final recommendation is disappointing: "Let us keep our freedoms, but let us be more discreet and carefulä not to create scandal. Let us cherish our civic creed, but beware of throwing it in the face of the World. The World is resentful and sensitive." Another good example of intellectual wandering.

Let us be clear
To face the challenge of the coming hard winter of global terrorism we need more convincing references. All men share the same evolutionary history. Our cultures are not comparable, none better none worse. But what we have done with our cultures through the accidents of history, the modes of associated life and their institutions are, at any given time, measurable, comparable, subject to critical assessment and evaluation - they can be better, superior, inferior, worse or whatever.

The civil institutions of the Talebans are horrendous and unacceptable. As aggressive and dangerous to the world as nazism.

How many appeals have we signed for the Taleban women in the last year? Wrongs that should have been dealt with decades ago call for immediate action, but do not cancel any responsibility for the crime. Justice is not served by terrorism.

The punishment of the perpetrators and of their ideological sponsors follows as a necessary consequence.

Then, the only solution for a less horrible future is the lay, reasonable utopian way that will keep us off the swamps of religions and faiths: dialogue with all cultures to heal injustice and sterilise the soil of misery, frustration, rage and hatred that harbours the roots of terrorism.

*******

If in the year 900 A.C. the arabian civilisation may have been more advanced than that of the Celts. In the following thousand years the Celts made a huge leap forward, due to the sacrifice, wars, battles and revolutions of 60 generations. Millions of people were killed for their dreams and ideals, as the price paid for our "modes of associated life".

It is true: the cultural seeds have grown into the modern european and american democracies. At that time, comparison could not be made with the seeds that generated the totalitarian arab regimes of today. They were neither better nor worse, but European democracies are a reality today - a set of civil institutions preferable to the set of institutions in the totalitarian regimes be they arab or else. In the same way it is true that arab culture today cannot be compared with european cultures (neither better nor worse) and nobody can say how it will develop in terms of civilisation in the next, 50, 100, or 1000 years. I am certain that September 11th, 2001, is the date that marks the beginning of totally different paths compared to those prior to that date.

To conclude: the answer to Mr Diamanti's questions
This multiple question contains its own answer. In fact, defines precisely where they will stand who want to be neither followers of Mr. Berlusconi nor communists, neither global nor anti global, against terrorism and open to dialogue, Westerners capable of talking to Islam, Arabs capable of talking with the West, with Buddhism, Hinduism, Animism etc. It is not a matter of indifference but of rational skepticism, of reasonable Utopia, of systematic doubt, of compassion for human kind and for all its frailties. It is where doubt and skepticism do not justify rational dismissal, but imply responsible judgement, condemnation or aquittal based on the suffering of personal feeling.

It is the place that, throughout history, has been attended by all those who have succeeded without killing, slaughtering, starving or looting and without sending others to kill or be killed for them. It is a place of everyday heroes, with no uniform, no name, with no glory and no monuments. Those who never won, but were behind any true victory. Worth dying for.

Lorenzo Matteoli
Indian Harbour, Nova Scotia
October 7, 2001

Il quadro generale:Afghanistan, Pakistan, USSR, USA, CIA, Taliban eroina e petrolio.

Premessa
L'attacco al WTC rivela in termini nuovi e affatto imprevisti lo scenario mondiale all'inizio del terzo millennio. Nulla sarà più come prima è oramai uno slogan corrente, ma gli elementi del nuovo quadro non sono ancora esplorati dai commentatori. Mentre il mondo occidentale si agita nella definizione della "retribution" e trema nella paura della "seconda ondata", il mondo arabo è congelato dal dopo-WTC. L'attacco sembra avere spaccato una strategia in corso imponendo al variegato fronte arabo una scelta che nessun sembra poter fare.

E' necessario uscire dallo shock congiunturale e ricostruire una visione generale che consenta di valutare con obbiettività le condizioni che aprono il confronto politico mondiale sulla gestione del Pianeta in ipotesi di estremo rischio, per un futuro non definibile nel tempo.

I Taliban, la loro cultura, la cultura dell'Islam, la cultura degli arabi, la civiltà araba, la superiorità dei nostri o dei loro istituti civili, la vendetta, la punizione dei responsabili sono argomenti per un dibattito marginale rispetto a quello che è successo l'11 settembre e alle sue conseguenze e cercare in quegli spazi spiegazioni e risposte serve a poco.

I tentativi di superare la inutilità sanguinosa del confronto crusadiero tra Islam e Occidente sono falliti per sempre con Federico II (1194-1250) e con la sua sconfitta da parte di Innocenzo IV.

Il mondo ha pagato per 800 anni un prezzo enorme per la sconfitta di Federico e, oggi, una gestione sbagliata del dopo-WTC rischia di portare la cifra a livelli insostenibili.

Le origini moderne della crisi
La nebbia infernale dalla quale sono usciti i Boeing che hanno distrutto il WTC e il Pentagono l'11 settembre e insieme alle Twin Towers tutto il castello politico istituzionale mondiale operante fino al 10 settembre 2001, è quella che ha avvolto l'ultima fase della lunga guerra fra Unione Sovietica e Stati Uniti d'America. La guerra che ha dominato la storia dal 1945 al 1989 e che forse meriterebbe di essere qualificata come la Terza Guerra Mondiale.

L'anno è il 1979 e il luogo è l'Afghanistan dove la CIA aveva individuato la possibilità di organizzare una opposizione armata di matrice etnica locale (incidentalmente islamica) contro l'Unione Sovietica. Con l'assistenza del Pakistan e dei suoi servizi, non tanto segreti, e con la consueta disponibilità di dollari, la CIA organizza i guerriglieri moujahidin per battere i Russi già in difficoltà. Collante occasionale della armata guerrigliera proveniente dal mare della povertà di tutti i paesi arabi è la liberazione dell'Afghanistan dagli infedeli, ma il denaro è importante per i guerriglieri che in genere vengono da condizioni di disperata sopravvivenza. Molti referenti e uno più abile, capace e intraprendente degli altri: Osama Bin Laden, figlio di una ricca famiglia di imprenditori Sauditi al soldo della CIA per coordinare la guerriglia dei moujahidin. Il collegamento con la CIA di Osama origina dalla frequentazione negli affari petroliferi di Bush Jr di alcuni membri della sua famiglia e di suoi amici imprenditori arabi sia durante il periodo della direzione CIA di Bush Sr., che durante il successivo periodo della presidenza degli Stati Uniti d'America dello stesso. (cfr le vicende di Abdullah Bakhsh di Khaled Bin Mafouz e Salem Bin Laden nella Hakren e nella Bush Exploration, poi in Spectrum 7 negli anni '80)

I Russi affondano in una guerra senza fronte, su un territorio impossibile. Dopo dieci anni, mezzo milione di giovani russi morti, un numero imprecisato, ma forse assai superiore, di morti Afghani e qualche migliaio di miliardi di rubli, l'Armata Rossa, sconfitta, abbandona un paese, il Viet-nam dell'USSR, praticamente ridotto a macerie, ma fornitissimo di armi tattiche della penultima generazione, mine antiuomo, kalashnikov , AK47, bazooka, mine e razzi antitank, razzi stingers etc. Restano in Afghanistan, a dividersene le spoglie le armate guerrigliere vittoriose e inizia un confronto fra i signori della guerra locali: le armi sono disponibili e la posta in gioco, sul lungo medio termine, è enorme e non ha nulla a che vedere con il controllo del territorio Afghano. La guerriglia con la matrice islamica di comodo si estende alla Chechnia, al Kashmir al Kosovo.

La guerra civile fra le diverse fazioni viene vinta provvisoriamente dai Taliban, giovani studenti fondamentalisti, in un primo momento accolti come liberatori e portatori di pace, ma presto rivelatisi una cupa maledizione. I Taliban sono appoggiati dal Pakistan e dalla CIA e assistiti dalla competenza di Osama Bin Laden, sempre come emissario Arabo dei servizi segreti Americani. Restano sacche di territorio al Nord sotto il controllo di una alleanza dal profilo confuso (moujahidin, transfughi dal campo dei Taliban, milizie mercenarie di signori della droga) guidati da Massud il capo che era stato l'abile stratega della guerra contro i Russi. Massud non riesce a sconfiggere i Taliban e viene ucciso in un attentato nei primi giorni di settembre 2001. Le sue bande, con il nome di Alleanza del Nord, si candidano come braccio armato locale per la spedizione punitiva contro Osama, ma il Pentagono conosce la scarsa affidabilità del consorzio e la loro impresentabilità politica. Per usare un eufemismo.

E' alla fine della Guerra del Golfo che la collaborazione con la CIA e gli Americani si trasforma in odio e che Osama Bin Laden si rende conto di poter allargare il suo progetto e inizia ad impostare una strategia di contatti diplomatici e finanziari con lo scopo di predisporre le condizioni di una grande coalizione regionale dal Caspio al Golfo. Collante: l'idealismo Pan-Arabo musulmano così facile da portare al fanatismo, scopo vero: il controllo della regione che nel giro di pochi anni produrrà più del 50% del greggio mondiale realizzando la condizione di effettivo monopolio petrolifero della quale l'Opec non ha mai goduto. Condizione preliminare per questa ipotesi è la promozione di una base di consenso popolare in tutti i paesi della regione. Osama persegue con strategia diplomatica e con il terrorismo il piano che Saddam voleva realizzare con la guerra.

In questo quadro i Taliban promuovono una efficace strategia di penetrazione ideologica in tutti i paesi arabi da molti dei quali ottengono finanziamenti e riconoscimento diplomatico. In Pakistan la loro base di consenso popolare è in grado di mettere in difficoltà il dittatore militare Musharraf. Ma anche in Arabia Saudita la famiglia Saud deve fare i conti con un partito fondamentalista di convinti seguaci di Osama, lo stesso nel Sudan, in Siria, e, con relativa moderazione, in Egitto, negli Emirati e nel regno di Giordania. In Iran i Taliban non sono amati, ma il fondamentalismo panislamico è forte.

Dopo la ritirata delle truppe russe dall'Afghanistan i soldi della CIA finiscono, ma i moujahidin a nord e i Taliban a sud forzano i contadini alla coltura dei papaveri: in tre anni la regione di confine tra Pakistan e Afghanistan diventa la massima produttrice mondiale di eroina. La infrastruttura per il trattamento della droga cortesemente fornita dal Pakistan con la improbabile disattenzione della CIA: il flusso di denaro è valutato tra 100 e 200 miliardi di dollari all'anno e viene investito in campi paramilitari per la formazione dei guerriglieri (e terroristi), nell'acquisto di armi, nella diversificazione industriale e sui lucrosi mercati finanziari Americani e Asiatici. Una parte non indifferente serve anche ad arricchire gli organizzatori della catena produttiva e certamente la mente politica e finanziaria del complesso di operazioni l'abile e infaticabile Osama Bin Laden, che mette a frutto l'esperienza fatta con gli Americani come capo della guerriglia antisovietica. Il patrimonio ereditato dalla famiglia di costruttori Sauditi diventa irrilevante rispetto alle cifre che adesso Bin Laden controlla al centro del traffico della droga in uscita e delle armi in entrata in Afghanistan. Non sapremo mai quali multinazionali hanno partecipato all'accumulazione di denaro consentita dal libero commercio di eroina e dal libero commercio di armi. Nell'arco di una decina di anni una valutazione prudente della massa di denaro controllata da questo imprenditore del terrorismo colloca la cifra intorno ai 400 miliardi di dollari. Sufficiente a travolgere le flessibili e comprensive resistenze etiche dei grandi istituti finanziari mondiali e ad comperare molte connivenze e complicità a livelli insospettabili in tutti i paesi nei quali intende operare. Questa cifra potrebbe essere stata quasi raddoppiata, se giocata al ribasso sui mercati finanziari massacrati dalla guerra dell'11 settembre. Anche in questo caso non sapremo mai quali brokers hanno gestito gli ordini di acquisto e vendita per miliardi di dollari trasmessi pochi giorni prima dell'11 settembre. Un pensionato che sposta poche decine di milioni di lire italiane della sua liquidazione deve presentare i certificati di origine alle banche, ma unmiliardo di dollari possono spostarsi senza domande indiscrete con un semplice click sulla tastiera. Non si tratta certo di piccole botteghe nei sukh di Baghdad e Damasco. Sono molto probabilmente indirizzi prestigiosi e non facilmente accessibili di Zurigo, Parigi, Milano, Amsterdam, New York, Londra e Francoforte. Movimenti particolari sui mercati finanziari potrebbero essere, in futuro, l'indicatore d'allarme su possibili nuovi attacchi. La depressione del mercato dopo l'11 settembre ha reso fra l'altro molto facile l'acquisto di pacchetti di controllo in tutti i settori chiave (banche, energia, trasporti) da parte dei detentori di forte liquidità.

Il quadro di come l'idealismo fanatico dei terroristi dell'11 settembre faccia parte di uno schema dalla dimensione planetaria si delinea con contorni intuibili solo mettendo insieme i pochi tasselli di informazione a disposizione di tutti (stampa e internet). Molto più preciso dovrebbe essere il quadro delle grandi centrali di intelligence USA, USSR, Israele, NATO e riesce difficile credere che non sia così con i miliardi di dollari che spendono per acquisire informazioni "ulteriori". Ma ci sono ulteriori elementi di interesse.

È già cominciata la corsa al petrolio innescata dal prossimo ineludibile calo della produzione per raggiunti limiti geologici/minerari dei giacimenti (cfr Hubbert Peak: The Impending World Oil Shortage, Kenneth S. Deffeyes, Princeton University Press, 2001). Il "peak" fatidico, già raggiunto nel 1976 negli Stati Uniti d'America verrà raggiunto a livello planetario fra il 2005 e il 2008 dopo di che si avrà il monopolio dei paesi del Golfo titolari di una quota superiore al 50% del crudo estratto e capaci quindi di controllare da soli il prezzo del barile. Il calo del 3-4% annuale scatenerà i mercati al rialzo e la tensione per l'accesso alle forniture e alle risorse sarà ingovernabile politicamente. Il giacimenti del Caspio sono l'unico grande bacino che potenzialmente potrà supportare, ancora per pochi anni, la domanda disperata degli Stati Uniti, della Russia, dell'Europa, del Giappone, della Cina e del resto dell'Asia.

L'Afghanistan è centrale alla regione Caspio-Golfo Persico, non ha risorse petrolifere, ma sembra essere il luogo ideale dal quale governarla: una naturale fortezza.

La azione strategica di Osama Bin Laden iniziata all'inizio degli anni 90 comincia a coagulare. Le sue mire al trono dell'Arabia Saudita non sono più tanto segrete. La famiglia Mahabita dei 'Saud sente pericolosi scricchiolii.

A questo punto l'attacco al WTC sembra una contraddizione: se la strategia diplomatica stava per dare risultati perché lanciare una provocazione di questa portata con il rischio di essere travolti dalla prevedibile durissima reazione?

Si possono fare due ipotesi: l'attacco è condotto da frange estreme interne a Al'Qaida e non controllate dal centro, oppure Osama ha voluto dare un segnale pesante ai dubbiosi all'interno del suo consorzio. Tutte e due le ipotesi spiegano la virata verso l'attuale prudenza della gestione Americana della "campagna" contro il terrorismo, a venti giorni dalla dichiarazione di volere Osama Bin Laden dead or alive.

La diplomazia Americana sta cercando freneticamente di recuperare il dialogo con il mondo arabo e lo spazio che ha lasciato per molti anni alla crescita dell'ipotesi di Osama. Forse troppo tardi.

Per un contrappasso incredibile la provocazione violenta dell'attacco potrebbe creare le condizioni per impostare una azione radicale di ristrutturazione delle strategie energetiche negli Stati Uniti e nel mondo occidentale, una azione che nel giro di dieci anni potrebbe diminuire la dipendenza strutturale dai combustibili fossili e cambiare gli equilibri dettati dalla polarizzazione attuale delle risorse petrolifere. Wishful thinking.

A questo scenario ottimistico bisogna anche associarne uno meno roseo: l'attacco al WTC crea le condizioni di legittimazione morale per un intervento armato Americano nella regione Caspio-Golfo per sconfiggere il terrorismo e, nello stesso tempo, garantire agli USA l'accesso alla risorsa vitale. Vivere non necesse, navigare necesse.

Come Pearl Harbour, tanto evocata dopo l'attacco dedll'11 settembre, creò le condizioni politiche e di legittimazione presso l'opinione pubblica per l'entrata degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale. Con le ombre sulle responsabilità di Roosevelt che tutti ricordiamo.

Due nuove figure sulla scena mondiale
Questa la sintetica evocazione del possibile quadro generale che prima dell'11 settembre era in emergenza e che dopo l'11 di settembre si è compiutamente disegnato.

Il colpo al WTC ha anticipato, in pochi minuti, la formazione di uno scacchiere mondiale che avrebbe forse richiesto 7 o 10 anni ancora per maturare sovvertendo tutti i modelli di previsione tattica e strategica sui quali si basavano i rapporti internazionali. Se fino al 10 settembre una strategia di svolgimento della crisi mondiale aveva una finestra temporale di 10 anni al massimo, dall'11 settembre le scadenze sono immediate.

Come ci si debba muovere in questo quadro e nelle attuali circostanze è difficile dire: grandi alleanze e coalizioni planetarie, o puntuale tutela di interessi specifici nelle regioni di competenza. Isolamento o integrazione. Le prime mosse del governo Americano sembrano indicare sia stata fatta la scelta della integrazione, ma la fase di impostazione riserva sorprese e difficoltà.

Lo scudo satellitare, che Bush promuoveva solo tre settimane fa è diventato obsoleto di colpo, superato dal fanatismo suicida armato con tagliacarte e temperini: lo schema ipotetico che lo suggeriva, considerato con molte riserve dall'Europa, è crollato con le torri.

La domanda che ci si pone, davanti allo svolgersi fulmineo degli avvenimenti, è se la cultura politica di Bush, Colin Powell e Cheney, Tony Blair e i capi dell'Europa, Vladimir Putin, Zeng insieme alla ambigua legione Araba, sarà in grado di trovare una "linea" non catastrofica di gestione e se nel giro di poche settimane si troveranno gli elementi per superare divisioni politiche, culturali, economiche sedimentate da decenni. Anche la lingua da usare pone dei problemi

Ancora non è dato sapere quali saranno i ruoli nella definizione di questa linea dei diversi attori mondiali (il mercato, le grandi istituzioni finanziarie, la Babilonia dell'informazione, i militari, le pulsioni ineffabili della gente comune).

Il potere ricattuale di una organizzazione terroristica mondiale, reale o virtuale, vera o presunta, fondato con l'attacco al WTC è di gran lunga superiore a quanto oggi possiamo concepire e forse anche a quanto potessero concepire gli stessi suoi autori.

Un potere così grande e al tempo stesso assolutamente privo di forma istituzionale, di struttura leggibile, di profilo politico e culturale (solo formali le invocazioni pan-islamiche e antisemite di attori marginali e dello stesso Osama Bin Laden) o genererà forme e istituti antagonisti consistenti, o dominerà incontrastato.

Siccome la seconda ipotesi è respinta, esplicitamente o implicitamente, da tutti i paesi del mondo, non resta che individuare il profilo emergente dalla prima.

Quali possano essere queste forme e questi istituti e quali strutture di governo si potranno dare ancora non si riesce a intuire nel diluvio di informazioni che sta travolgendo qualunque capacità di riflettere. Il gioco delle informazioni 24 ore su 24 e delle reazioni in tempo reale mette in crisi i tempi organici di riflessione e i tempi tecnici di organizzazione degli istituti competenti. La diplomazia e i suoi canali sono soppiantati da CNN e da BBC World.

Certo il messaggio del governo Americano nei primi 20 giorni di crisi si è notevolmente articolato, ma non siamo ancora arrivati ad una visione strategica ampia e consistente con la dimensione del problema da risolvere. La preoccupazione di Bush di moderare gradualmente l'aspettativa della "retribution" dell'America ferita è ancora troppo centrale. L'obbiettivo è la costruzione del nuovo operatore mondiale i cui scopi saranno molto più vasti della attuale bruciante motivazione di distruggere il terrorismo.

Se nell'arco dei prossimi mesi (settimane) si riusciranno a risolvere i problemi di innesco oltre alla figura ectoplasmatica del Terrorismo Planetario avremo una seconda nuova figura sulla scena del potere mondiale: il Nuovo Ordine Internazionale (NOI)

Il programma operativo per il Nuovo Ordine Internazionale prossimo futuro (se riuscirà a costituirsi) a mio avviso deve essere una azione simultanea e interrelata finalizzata a:

1. Disinnescare la bomba della fine del petrolio
La prima cosa da fare è guadagnare tempo con un programma mondiale di risparmio che allontani di almeno una decina di anni il "peak". L'attuale modello energetico mondiale è impostato su una serie di sprechi strutturali: gli anni successivi alla crisi del 1973 hanno dimostrato la fattibilità di riduzioni dell'ordine del 15% senza che questo provocasse recessione o sconquasso finanziario.

Il progetto di risparmio e sostituzione energetica si innescherebbe automaticamente portando, mediante tasse interne differenziate, il costo del greggio nei paesi industrializzati (ricchi?) al valore medio di 100 dollari al barile (non molto lontani dal valore attuale dei 30 dollari al barile della crisi del 73).

2. Disinnescare la bomba della povertà e della marginalità
Il plusvalore originato dall'aumento del petrolio ( pari a circa 4 volte il reddito complessivo derivante dall'attuale "oil trade": una cifra enorme) potrebbe venire investito per recuperare le regioni condannate alla miseria e alla carestia. Il denaro dovrebbe essere accompagnato da progetti di lungo termine finalizzati a recuperare le capacita produttive agricole in termini consistenti con le caratteristiche regionali.

3. Aprire i termini di uno scambio "eguale" fra primo secondo e terzo mondo

La imposizione di una environmental tax dovrebbe ridurre la attuale esportazione a costo zero di risorse ambientali dal terzo al secondo e primo mondo e nel contempo ridurre la speculazione che attualmente viene fatta a spese della manodopera terzomondiale e della disoccupazione nei paesi industrializzati. In ultima analisi dovrebbe concorrere alla compensazione della rapina ambientale che molte transazioni "globali" nascondono.

4. Rompere la complicità droga/armi/finanza/politica a tutti i livelli

La liberalizzazione della droga dovrebbe innescare la sovversione dell'attuale modello che tutela produttori e spacciatori e produce enormi margini di profitto: una volta crollati i profitti il problema dovrebbe potersi ricondurre a una dimensione controllabile.

I quattro punti non sono né in gerarchia né in sequenza: dovranno essere svolti simultaneamente e in modo interattivo

Alla luce di questi punti e della loro scadenza urgente la punizione dei terroristi del WTC diventa una operazione di seconda priorità e la impostazione del dialogo tra Palestinesi e Israeliani una necessaria conseguenza.

Commento: tranquilli! nulla di tutto questo succederà, preparatevi a disegnare lo scenario "more of the same" e vedrete come e qualmente sia molto più terrificante.

L'incertezza intellettuale
L'attacco mostruoso al WTC ci trova di nuovo dilaniati tra l'orrore per le migliaia di morti civili e la difficoltà di distinguere la condanna del gesto criminale dalla razionale comprensione della patologia della disperazione. Questo provoca frustrazione e un intimo senso di colpa, qualunque sia il versante sul quale volgiamo la mente e la compassione. Un problema etico che va chiarito per contenere da una parte la reazione viscerale e dall'altra per evitare ogni forma di evasione razionale. Ogni volta che ci si trova di fronte a una provocazione storica, a un fatto che costringe a rivedere in modo radicale il nostro rapporto con l'"altro", nel senso più lato del termine, ci accorgiamo che secoli di elaborazione filosofica e di critica etica non sono serviti a molto. Di nuovo soli con il Grande Dubbio.

Esprimere un giudizio, fare una valutazione, indicare una gerarchia, valutare e confrontare, per collocarsi e poi procedere con conseguenza, sono luoghi impervi e praticarli può essere pericoloso. Specialmente quando i problemi hanno valenza esistenziale o enorme portata sociale e politica. L'espressione di un giudizio viene in genere contestata come operazione arbitraria da chi non condivide o rivendicata come luogo fondamentale di libertà da chi condivide. Spesso si impugna il diritto di giudicare con la categoria della "complessità": siccome le cose sono complesse, articolate, interconnesse un giudizio è automaticamente una indebita semplificazione, una riduzione inaccettabile: questo atteggiamento viene oggi definito di "relativismo culturale" come contrapposto a un ipotetico, deprecabile "pensiero assoluto". (cfr Panebianco sul Corriere della sera del 29/09 e Ilvo Diamanti su La Repubblica)

Più utile, e disperata, la motivazione neo-darwiniana della impossibilità di stabilire gerarchie di valori: per confrontare due cose queste devono essere comparabili e le condizioni di comparabilità non sono recuperabili nei processi di storicizzazione. Espressa in termini meno sintetici questa è la posizione dello scetticismo evoluzionista:

"ogni sistema di valori è il risultato di un processo di evoluzione soggetto a nascita ed estinzione secondo una meccanica nota. La storicità dei sistemi di valori e la conseguente impossibilità di legittimare alcunché da un punto di vista laico è una condizione del pensare laico senza la quale la proposta di spiegazione scientifica e materialista del fenomeno "vita" cessa di funzionare. Bisogna quindi negare l'evoluzione per trovare la possibilità di formulare gerarchie non storiche di valori. Bisogna far precedere l'esistenza di Valori Universali alla nostra esistenza e negare che invece questi si costituiscano durante il processo evolutivo. Bisogna quindi reintrodurre un aspetto di "finalismo" una specie di "progetto della creazione"". 
(Bruno Caudana).

Negare l'evoluzione è un sacrificio inaccettabile.

Non esiste, per il pensiero laico, un paradigma che consenta di esaltare, assolvere o condannare. Senza "Dio" non è dato esprimere giudizi, ognuno è solo con il suo "sentire". Questo apparente "vuoto" critico contingente è il luogo della solitudine, dello scetticismo obbiettivo, della responsabilità libera, della compassione utopica, della nostra vera passione e insieme della nostra essenziale gioia di vivere. Poiché scegliere e collocarsi rispetto alle scelte proprie ed altrui è l'imperativo nodale dell'esistenza e la vita quotidiana è una continua pratica dell'esercizio critico, il problema è quello di collegare questa visione laica con il "quotidiano". Senza tradire il fondamento e operando con responsabilità e autonomia, coscienti dei limiti relativi della nostra esistenza e della nostra specifica "storia". Vivendo con la sofferenza di decidere con certezze relative. Ma decidere.

Intervenire, limitare o svolgere l'esercizio critico sono operazioni che rivestono importanza etica fondamentale e vanno condotte nel rispetto della visione laica della storia e nella coscienza dei limiti che questa visione comporta. Non saremo esenti dall'errore dei missionari, dei sacerdoti, dei mullah e dei seguaci di fedi e idoli trascendenti, ma ne intuiremo il pericolo. La visione "laica" non può essere assunta come luogo di evasione astratta e come negazione indifferente della realtà storica congiunturale nella quale dobbiamo vivere e nella quale "sentiamo". Il pensiero laico non è astratto e non si isola dal mondo in essere.

Il meccanismo con il quale operiamo è quello di configurare, consciamente o meno, i prodotti contingenti del processo di evoluzione. I risultati specifici in un dato momento del processo di evoluzione che possono essere oggetto di valutazione e giudizio "hic et nunc". Saranno sempre valutazioni e giudizi riferiti alla intuizione di un "assoluto", immanente, a noi incomprensibile solo per la vastità spaziale, temporale e biologica e per la obbiettiva incompiutezza storica. Dentro di noi: non si tratta del "gancio dal Cielo" di Daniel Dennett.

Con questa attenzione e con questa responsabilità giudicare non è arroganza. L'astensione dal giudizio non è saggezza, non è umiltà. Può essere connivenza, tacito assenso, sudditanza o complice abiezione, o, semplicemente sovrano disinteresse.

La "gaffe" di Berlusconi
Ilvo Diamanti su La Repubblica del 30 settembre conclude la sua risposta alla condanna del relativismo culturale di Panebianco con un "elogio del pensiero relativo" a chiusura del quale pone le seguenti domande retoriche:

Come e dove si collocherà chi è e si sente occidentale, ne condivide i valori, i principi, le istituzioni; non ha incertezze sulla lotta dura al terrorismo; ma, al tempo stesso, crede nel dialogo aperto fra culture? Chi pensa che l'Islam è una realtà complessa, in mutamento; e non sia destinato a produrre "mostri" e fondamentalismi? Come e dove si collocherà chi considera gli Stati Uniti d'America, da sempre, un solido e stabile riferimento per la democrazia, cui l'Europa e l'Italia debbono molto, ma vorrebbe, comunque, un'Europa più forte, autonoma, capace di diventare soggetto attivo, sul piano geopolitico e culturale? Come e dove si collocherà chi non vede nella globalizzazione solo i rischi, ma anche le opportunità, per allargare la distribuzione di conoscenze e risorse? Chi la considera un processo che può essere criticato, governato diversamente, ma non demonizzato? Chi, peraltro, vede il movimento antiglobale come una realtà composita; chi, anche non condividendone le posizioni, ritiene è arbitrario ridurlo alle frange violente e ai gruppi estremi presenti al suo interno? Come e dove si collocherà chi non è comunista, ma non per questo è berlusconiano? Chi non è berlusconiano, ma non per questo è comunista?

Queste domande rappresntano bene quella che ho chiamato l'incertezza intellettuale.

Dopo gli interrogativi di Diamanti, lo sfogo passionale di Oriana Fallaci, i commenti di Scalfari e Panebianco la riflessione aperta dalla "gaffe" di Berlusconi assume un interesse diverso da quello del semplice commento marginale e può essere utile svolgerla per trarne indicazioni di comportamento.

Il premier Silvio Berlusconi ha dichiarato a Berlino che la nostra "civiltà è superiore a quella islamica".

La dichiarazione pubblica di un primo ministro Europeo ha provocato scandalo, sarcasmi, battute, irritazione, tensioni internazionali, indignazione e offesa. Il successivo "damage control" del Presidente del Consiglio non ha migliorato la sensazione negativa.

Nel giro dei commenti interviene con la consueta autorevolezza anche Umberto Eco (La Repubblica 5/10 Le guerre sante, passione e ragione) che sgrida Oriana Fallaci per avere ecceduto in passionalità e il Corriere della Sera per averla legittimata e percorre in un lungo articolo con la consueta intelligenza tutti i beni e i mali del mondo concludendo con un invito alla analisi e alla critica delle nostre superstizioni e di quelle altrui. Eco apre il suo saggio citando con imprecisione la gaffe di Berlusconi riferendosi alle parole inopportune pronunciate da qualcuno sulla superiorità della "cultura" (invece che "civiltà") occidentale: cose diverse anche per un semiologo. Accogliendo l'invito di Eco alla ragionevole e critica comprensione di tutto credo che anche lo sfogo di Oriana vada accolto criticamente e ragionando: una testimonianza drammatica scritta sotto le torri crollate dopo cinque giorni dalla tragedia e nel pieno del trauma. Non vedo perché debba turbare le giovani menti di più della mostruosità terroristica. O delle farneticazioni dei fondamentalisti.

Fra tutti gli articoli che hanno commentato la dichiarazione di Berlusconi la "lettera sulla civiltà" di Adriano Sofri ha avuto un certo successo per la figura di Sofri, per la terminologia evocativa impiegata e per quello che i lettori hanno ritenuto che Sofri sostenesse nella sua lettera.

Sofri ritiene che il "modo della nostra vita associata sia incomparabilmente preferibile a quello del resto del mondo islamico e no". Però, dice Sofri, questa convinzione [di preferibilità] viene automaticamente tradita quando proclamiamo una nostra "superiorità". Sofri non individua la terminologia della battuta: è vero che il "modo di vita associata preferibile" non è necessariamente indice di "superiorità" generica e onnivalente. Ma la superiorità della civiltà è una specificazione riduttiva molto precisa rispetto alla generica superiorità. Ora, mentre è vero che non è possibile parlare di superiorità o inferiorità antropologica o culturale di qualsivoglia consorzio etnico, o nazione e questo perché le culture sono diverse, i valori ineffabili, poetici, storicamente incompiuti e non comparabili, diverso è il caso dei "modi di vita associata" e della "civiltà" in essere. Che possono essere efficacemente misurati in quanto storicamente definiti (hic et nunc) e compiuti.

La qualità della vita è il parametro con il quale confrontare i modi di vita associata e le civiltà. Un parametro che può essere complesso da esprimere, ma che consente forte significatività anche ai livelli più grossolani di semplificazione. Io propongo come livello estremo di semplificazione quello della sofferenza fisica senza voler arrivare alla Jeffersoniana "pursuit of happiness" e senza voler arrivare alla sofferenza "ideologica" che mi porterebbero di nuovo in un terreno dove le valutazioni sono difficili, ma, ripeto, non aprioristicamente impossibili.

Il tradimento , secondo Sofri, è dovuto al fatto che molte delle qualificanti conquiste della civiltà occidentale sono troppo recenti e alcune (aborto, controllo del proprio corpo, eutanasia) ancora contestate dalle gerarchie cattoliche. In fondo il voto alle donne l'abbiamo "dato appena ieri" (1946). Le conquiste qualificanti, che sono il cuore della nostra "sperimentale e azzardata superiorità", sono "recentissime novità". Questo vieterebbe il giudizio di superiorità perché "le cose a cui teniamo le abbiamo appena conquistate, sono ancora poche e ancora a rischio e l'ombra del nostro passato è ancora così corta da fare dei migliori di noi dei pellegrini penitenti." Quindi soggetti a cadere nuovamente nel baratro del peccato.

Si pone immediatamente la domanda: quanto tempo deve passare prima che una conquista culturale o civile venga omologata come consolidata e quindi possa essere assunta nella valutazione e usata per il giudizio. Mezzo secolo non è sufficiente dice Sofri, un secolo, due? Si deve pensare che possiamo giudicarci solo per le conquiste acquisite fino al 1701? Niente rivoluzione Francese, niente rivoluzione Americana, niente rivoluzione Russa!

Ci sono molte cose vere evocate nella lettera di Sofri ma non sono rigorosamente connesse con la necessità di dimostrare l'implicito assunto: "il mondo senza scarpe che freme per scagliarsi a testa bassa contro i grattacieli del mondo ricco, il sontuoso presepio di manichini e mannequin delle vetrine di New York, la povertà che si trasfigura in idealismo ebbro, la responsabilità del mondo "ricco" nei confronti del pianeta e del mondo povero, la urgenza di una riconversione del nostro modo di vita che freni la consunzione della terra e che riduca la ostentazione e la venerazione della ricchezza, la necessità di fermarci e guardare meglio noi stessi".

La raccomandazione finale della lettera, delude: "Teniamoci la nostra libertà, ma diventiamo più discreti e attentiänon dare scandalo. Siamo pure attaccati al nostro credo civile, ma non vantiamone la superiorità in faccia al mondo che è sensibile e permaloso."

Per affrontare il prossimo lungo inverno di terrore globale ci vogliono, a mio avviso, categorie più convincenti: siamo antropologicamente uguali agli arabi, ai musulmani, agli animisti e agli induisti (et al.) e le nostre culture non sono comparabili, ma le nostre civiltà (intese come i modi di vita associati e i loro istituti) sono misurabili, comparabili e giudicabili come superiori, inferiori, migliori, peggiori. Preferibili o meno. Le nostre istituzioni civili sono lontane dalla perfezione, ma gli istituti civili dei Taliban sono orribili e inaccettabili: oggettivamente costituiscono un pericolo per il mondo intero come e peggio del nazismo. Quanti appelli per le donne Afghane circolati su internet abbiamo ricevuto e sottoscritto negli ultimi anni?

Esiste una macroscopica ingiustizia del pianeta post-industriale che grida da decenni per avere ascolto nella giungla dei consumi e che deve essere servita con urgenza, è inconcepibile che questo servizio sia reso con il terrorismo. Il percorso laico, utopico-ragionevole, post-illuminista, l'unico agibile per evitare le paludi delle fedi e la inutilità della ratio negativa, verso una ipotesi di futuro meno orrido è quello della punizione necessaria e puntuale dei massacratori e del confronto/dialogo con le tutte le culture per rispondere alla infinita esigenza di giustizia e sterilizzare l'humus di miseria, frustrazione, rabbia, dolore e odio nel quale il terrorismo affonda le sue radici.

*****

Se nell'anno 900 d.C. la civiltà dell'Arabia era superiore a quella dei Celti, nei mille anni successivi i Celti hanno fatto progressi grazie ai sacrifici, agli errori, alle rivoluzioni di 60 generazioni. Milioni di morti ammazzati per gli ideali e per i sogni sono il prezzo pagato per il nostro "modo di vivere associato". E' vero: il germe culturale che è cresciuto, dando luogo alle democrazie occidentali in Europa e negli Stati Uniti, non era allora comparabile con quello che ha generato gli assolutismi nel mondo arabo di oggi. Né migliore, né peggiore. Ma le democrazie europee esistono e consentono, oggi, un modello civile superiore a quello degli regimi assoluti arabi in genere e dei Taliban in particolare. Proprio come è vero che la cultura Araba, oggi, non è comparabile con la cultura Europea (né migliore, né peggiore) e noi non possiamo sapere come si svolgeranno, in termini di conseguente civiltà, queste due (dieci, cento, mille) culture fra 50, 100, 1000 anni.

Non escludo, anzi sono certo, che l'11 Settembre del 2001 è la data che segna l'inizio di percorsi radicalmente diversi da quelli pensabili fino al 10 settembre 2001.

La risposta alle domande di Diamanti
La domanda multipla fornisce al tempo stesso la risposta, infatti definisce con precisione il "luogo" ideale dove si collocheranno coloro che, giustamente pensano che si possa essere :

né berlusconiani, né comunisti, né globalisti né antiglobalisti, ferocemente contro il terrorismo e aperti al dialogo, occidentali capaci di parlare con l'Islam, arabi capaci di parlare con l'occidente, con il Buddismo, l'Animismo, l'Induismo e quante altre fedi si possono elencare, né logo, né no-logo, ecc.

Per non venire equivocato: non è il luogo del qualunquismo indifferente. E' il luogo dello scetticismo razionale, dell'Utopia ragionevole, del dubbio sistematico, della effettiva compassione per il genere umano nella consapevolezza di tutte le sue possibili abiezioni. E' il luogo dove dubbio e scetticismo non giustificano evasione, ma implicano responsabile giudizio, critica, condanna o assoluzione basati sulla sofferenza del proprio "sentire".

E' un luogo frequentato da sempre, nella storia, da tutti quelli che hanno fatto qualcosa senza massacrare, senza uccidere, senza affamare, rapinare e derubare e senza mandare altri a farsi uccidere. Un luogo di eroi quotidiani, senza divisa, senza nome, senza gloria e senza monumenti. Quelli che non vincono mai, ma che hanno reso possibile ogni vera vittoria.

Il guaio è che è un luogo per il quale vale la pena morire.

Lorenzo Matteoli
Indian Harbour, Nova Scotia
05 Ottobre, 2001